Egg1 e Superbonus 110%, l’occasione per le tecnologie più performanti nelle case e nei condomini

emissione di solo vapore acqueo

Egg1 e Superbonus 110%, l’occasione per le tecnologie più performanti nelle case e nei condomini

Il Decreto Rilancio introduce il piano Marshall per la ripresa dell’ Italia che spalanca le porte ai sistemi energetici più efficienti ed abbatte le barriere di ingresso delle migliori tecnologie. Tutti sono potenziali beneficiari dell’Ecobonus 110% per gli interventi di efficientamento energetico del proprio immobile o del condominio, a costo zero per il proprietario.

“Non si spenderà un soldo per le ristrutturazioni antisismiche e energetiche”, ha detto il premier Giuseppe Conte ed Egg1, che utilizza la fuel cell a gas naturale abbinata ad una pompa di calore, è il miglior sistema per la riduzione dei consumi, permettendo di far aumentare l’edificio fino a 4 classi energetiche intervenendo solo sull’impianto di riscaldamento e riducendo la bolletta del 70%.

In vigore dal 1° luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021 tutte le spese sostenute per lavori di risparmio energetico e di sicurezza sismica degli edifici saranno rimborsabili in cinque anni ed è prevista la possibilità di cedere il credito maturato alle banche o di chiedere lo sconto in fattura all’impresa che realizza i lavori. Fino ad oggi le defiscalizzazioni premiavano poco l’innovazione tecnologica e garantivano gli “stessi benefici” sia a prodotti degli anni ’60 (caldaia a condensazione Ignis) sia alle più moderne pompe di calore o i sistemi di generazione come le fuel cell. E così il 65%, non essendo un incentivo ma una “defiscalizzazione” ha spesso spinto le scelte verso soluzioni “a basso costo” a discapito dell’efficienza e delle emissioni inquinanti.

Ora il nuovo Ecobonus (Superbonus) permette ai progettisti e proprietari delle abitazioni la scelta delle soluzioni tecnologiche più efficienti e meno inquinanti ed Egg1 rappresenta il sistema in grado di raggiungere il massimo dell’efficienza possibile eliminando le emissioni inquinanti.

No Comments

Post a Comment

Comment
Name
Email
Website